logo pon 2014-2020
Portella della Ginestra - 1 maggio 1947

Solo le immagini di un grande artista come Renato Guttuso e le parole di un poeta come Ignazio Buttitta possono rendere con efficacia l’orrore di una strage:

 

A tappitu e a vintagghiu,

mitragghiavunu li genti

comi fauci ca meti

cu lu focu ‘nni li denti. […]

C’è cu chiama, c’è cu cerca,

c’è cu chianci e grida aiutu !

Cu li vrazza jsa all’aria

pi difìsa comu scutu. […]

C’è cu cadi e nun si susi

nchiudi l’occhi e resta mortu;

cu si mancia a muzzicona

petri ed erba e quagghia tortu. […]

E li morti foru vinti,

vinti morti a la Purtedda

come pecuri a crapetti

ammazzati supra l’erba[3].

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.